Sviluppa la tua impresa attraverso i video tutorial di imprenditori di successo ed esperti

Alessandro Rizzoli: Business Model Canvas e Lean Startup

Copia il codice embed del video

Cos’è il Business Model Canvas? Come applichiamo il metodo lean? Lo abbiamo chiesto ad Alessandro Rizzoli, Ceo di Mopapp.

 
Continua il nostro approfondimento sul Business Model Canvas e la Lean Startup, due modi diversi ma complementari di vedere il Business.

Business Model Canvas

 
Il Canvas è una rappresentazione schematica delle attività chiave da svolgere all’interno di un’organizzazione, per lanciare un nuovo prodotto sul mercato o sviluppare nuove feature. Molto utile per ideare e visualizzare il modello di business di riferimento. Per una startup le  Key Activities da definire sono le seguenti: 1) Team  ; 2) Product Development; 3) Customer Development; 4) Brand Recognition.

In particolare, è molto importante  per uno startupper sviluppare l’aspetto Customer, imparare a conoscere i clienti della propia azienda e focalizzare il  segmento di mercato che più si adatta al modello del servizio/prodotto offerto.

Un esempio di Customer Development: il caso Mopapp

 
Mopapp è una startup nata per controllare il mercato analizzando vendite e download su tutte le piattaforme mobile disponibili. Inizialmente pensata per risolvere un problema di monitoraggio dei dati  per sviluppatori e i business mobile based, in fase di customer development Moapp ha rinnovato la propia value proposition offrendo in realtà un servizio molto utile a  imprenditori e grandi publisher. Da un segmento  di clienti molto ampio (apps developer) la startup ha individuato  un segmento  via via più piccolo (apps publisher e big publisher). Per questa  tipologia di utenti Moapp è la soluzione adatta per semplificare il lavoro di monitoraggio e capire quali canali di vendita sono più vantaggiosi.

Il metodo lean

 
Il metodo lean raccoglie una serie di principi da adottare affinchè il modello di business possa evolvere nel tempo e nella direzione giusta. Applicare questo metodo vuol dire mettere in pratica una serie di azioni, ossia:

1) Capire immediatamente il customer segment più importante per il nostro businness, la fetta di mercato che più si adatta al servizio che offriamo.

2) Ridurre il  go to market di qualsiasi feature, dando la giusta priorità a quelle di maggiore interesse per i clienti.

3) Non aspettare a lungo i feedback del cliente per sviluppare il prodotto.

4)  Dialogare costantemente con il cliente

 Guarda l’intervista ad Alessandro Rizzoli su  come sviluppare un’idea di business sul Web e la lean startup 

 Abbiamo approfondito la tematica del Business Model Canvas  nei tre tutorial a cura di Nicola Mattina (#1 Introduzione;  #2 Approfondimento#3 Esempio pratico)

 

2 Commenti su "Alessandro Rizzoli: Business Model Canvas e Lean Startup"

Trackbacks per questo post