Filtra per categoria

Michael Burnett, Venture Partner di Innogest, è il personal trainer della categoria Start up e Finanza; la sua prima lezione evidenzia quali sono gli aspetti da considerare nella creazione di una Start up.

Il primo punto che uno startupper non deve trascurare è lo sviluppo dell'idea. Spesso le persone dimenticano di focalizzare l'attenzione sull'idea perché sono troppo impegnate a pensare come preparare un business plan, come trovare il denaro, assumere personale e attività simili. Esistono idee ricche di opportunità, idee notate in un mercato diverso, per esempio un'attività o un servizio che funziona all'estero e che si desidera esportare in Italia, oppure un'idea che nasce dalla combinazione di piu idee insieme, magari delle nuove forme di produzione o un servizio utile ad integrare il social dei media digitali ai media tradizionali. Quando lo startupper deve incontrare un Venture Capitalist, è probabile che la sua attenzione sia ancora focalizzata sugli aspetti del mercato, sulla presenza dei competitor mentre ciò che realmente interessa gli investitori è capire quanto grande sia l'idea proposta. Molte persone credono che i Venture Capitalist vogliono finanziare le start up in grado di generare un immenso profitto da subito, in realtà, ciò che attira gli investitori è che i prodotti e i servizi offerti dalla start up siano in grado di evolvere nel tempo, seguendo i cambiamenti del mercato e adattandosi ad essi. E' richiesta, quindi, una flessibilità che sia in grado di sottolineare l'originalità e garantire il successo nel tempo. Un altro punto da considerare è il piano d'azione della start up, evidenziato da tre aspetti: 1_ La velocità di realizzazione dell'idea; 2_I tempi di realizzazione: Come verrà realizzata l'idea? Che personale sarà assunto? Da chi sarà reclutato? 3_L'identificazione dei parametri, come ad esempio: qual è il numero di clienti? il numero di utenti? quello dei prodotti? e quale la seconda fase d'innovazione del prodotto? Se lo startupper ha chiari questi parametri da subito, le sue probabilità di successo saranno maggiori.

TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Viaggiare con Trail Me Up: emozioni estreme in 3D

Viaggiare con Trail Me Up: emozioni estreme in 3D

Una tecnologia avanzata, e sostenibile, per rendere l’esperienza unica del viaggio, un’esperienza condivisibile a 360°. Fabio Zaffagnini, Co-Founder di Trail Me Up, ci racconta perché ha scelto di mappare e rendere accessibili in Street View i sentieri del mondo.

CONDIVIDI
WBF Startup Competition 2012: 3° Investor Meeting

WBF Startup Competition 2012: 3° Investor Meeting

Wind Business Factor Competition 2012: il video reportage del 3° Investor Meeting

CONDIVIDI