Filtra per categoria

Alberto Onetti è Chairman di Mind The Bridge, un progetto animato dallo spirito del "give back" e che, anche quest'anno, lancia la Business Plan Competition.

Partiamo dalla scadenza. Il 31 luglio si chiude la MtB Business Plan Competition 2011, promossa da Mind the Bridge con il fine di raccogliere, e selezionare, i progetti imprenditoriali italiani più promettenti. Grazie a questo concorso, le startups vincitrici potranno usufruire di opportunità di formazione e di apprendimento, di tenere pitch di fronte a investitori di rilievo e di trascorrere un mese al Gym, il programma di mentoring che si tiene presso l'incubatore Pier 38 in Silicon Valley. Inoltre, da quest'anno, grazie a RCS Mediagrup e al progetto Gaetano Marzotto, i finalisti potranno vincere due ulteriori premi: RCS Digital Publishing Price e il Premio Gaetano Marzotto, che consentiranno di prolungare la loro permanenza al MtB Gym Silicon Valley.

Quali le regole per partecipare?

1_ La Business Plan Competition è rivolta alle startups innovative già costituite o che si costituiranno entro l'anno; 2_ Per competere è basilare redigere il Business Plan e l'Executive Summary e inviarlo a bpc.selection.2011@mindthebridge.org; 3_La competition è aperta a start up con un'ampia potenzialità di crescita e con un approccio internazionale; 4_Le application che arriveranno oltre il 31 Luglio non saranno accettate. Le prime 20-25 startups selezionate avranno la possibilità di partecipare a momenti di formazione e di training modules al Boot Camp (22-24 settembre, Milano e Torino) Le 15 startups che passeranno la selezione saranno protagoniste del Venture Camp, un evento internazionale che si svolgerà a Milano nella sede del Corriere della Sera. Non vi resta che pensare in grande e mettervi in gioco.
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Da San Francisco a Milano: Uber, startup americana ora anche in Italia

Da San Francisco a Milano: Uber, startup americana ora anche in Italia

Uber, la startup americana che ha sviluppato un sistema innovativo di auto a noleggio con conducente, approda a Milano. Ne abbiamo parlato con Elena Lavezzi, Community Manager della divisione italiana, composta da un team tutto under 30. Ha riscosso grande successo il lancio italiano della startup...

CONDIVIDI
Perché un business angel sceglie di investire in una startup

Perché un business angel sceglie di investire in una startup

Lo abbiamo chiesto a Domenico Nesci, fondatore di Angel Partner Group, imprenditore di professione e investitore per (e con) passione.

CONDIVIDI