Filtra per categoria

Marco Magnocavallo, Fondatore di Blogo, ora ceduta a Populis, e di Wikli, sottolinea quali sono gli aspetti importanti da considerare per creare una start up di successo.

Cosa si prova a vendere un'azienda che si è fondata?

E' un momento felice perché, oltre alla soddisfazione di vendere un prodotto di successo, puoi lanciarti in nuovi progetti.

Il consiglio da dare a chi inizia a sviluppare un'idea di business?

Provare e spaccarsi le ossa e la testa! Sbagliare tanto perché serve per fare esperienza e per aggiustare il tiro nelle idee successive. In Italia c'è ancora, purtroppo, il tabu e l'incubo del fallimento, mentre negli Stati Uniti non c'è questo timore, anzi gli insuccessi sono visti come un'occasione per imparare dai propri errori e come un normale percorso per raggiungere il successo.

Quanto sono importanti le idee?

Le idee sono importanti fino ad un certo punto, la cosa che conta è come vengono sviluppate. I progetti possono nascere dall'osservazione di esempi all'estero, dall'integrazione di due o più modelli diversi, oppure semplicemente svilupparsi dalla capacità di cogliere i bisogni delle persone. L'abilità sta nel riuscire, da quella idea, a costruire un prodotto vero. Non è tanto importante la stretegia di sviluppo dell'idea, ma la capacità di modellare il prodotto, specie nel settore web - perché è un mercato che si trasforma velocemente - e quindi è necessario testare continuamente l'idea per comprendere qual è la soluzione che gli utenti preferiscono e desiderano.

In che modo uno startupper deve osservare il mercato?

Stare a guardare il mercato vuol dire lanciare il prodotto, valutare i numeri di analisi statistiche e i feedback degli utenti per capire cosa piace e cosa no. E modificare il prodotto in base ai dati raccolti. E', inoltre, essenziale confrontarsi con altre persone che hanno avuto esperienze nello stesso settore o nel medesimo ambito. E' bene non essere mai troppo sicuri della propria idea e mettersi sempre in discussione. Sono solito sviluppare più progetti insieme fino a quando sono sul mercato, a quel punto sono gli utenti a decidere qual è l'idea da portare alla fase successiva.

Come scegliere i collaboratori?

I collaboratori sono decisivi, specie nella fase iniziale, perché aiutano a creare lo spirito dell'iniziativa, fanno team building, aiutano a sviluppare la cultura d'azienda. E' necessario trovare collaboratori che sono in grado di completare e implementare le nostre conoscenze.

La redazione consiglia

Guarda anche Start up: lo sviluppo dell'idea e il piano d'azione.
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Le startup finaliste del 2° girone: AdEspresso

Le startup finaliste del 2° girone: AdEspresso

Intervista a Massimo Chieruzzi, Founder di AdEspresso, startup finalista della Wind Business Factor Competition 2012 (2° girone). Continuiamo con le interviste dedicate allestartup finaliste del 2° girone, che, lo ricordiamo ancora una volta, il prossimo 14 settembre si sfideranno a colpi di pitch ...

CONDIVIDI
WBF Startup Competition 3° Girone: le startup finaliste

WBF Startup Competition 3° Girone: le startup finaliste

Dopo quattro settimane di formazione e coaching da parte dei mentor di Wind Business Factor, tra lezioni e seminari online su business model, customer development e arte del pitching, siamo arrivati alla finale del terzo girone. I finalisti avranno l'opportunità di  presentarsi davanti agli investi...

CONDIVIDI