Filtra per categoria

Mangatar in Silicon Valley con la MtB Startup School

Il team di Mangatar, startup vincitrice del 1° Girone della WBF Competition, è partito per un viaggio formativo in Silicon Valley presso la Startup School di Mind the Bridge.

 

Il team si è aggiudicato un canone gratuito Wind Business One Office per un anno e una borsa di studio per il soggiorno formativo in Silicon Valley, con la Mind the Bridge Foundation. Avranno ora l'opportunità di vivere 3 intense settimane a San Francisco per imparare tutto quello che c'è da sapere su come sviluppare la propria idea imprenditoriale, strutturare il proprio progetto, creare contatti e partire con la propria venture. E, perchè no, incontrare investitori statunitensi.

I protagonisti di questo viaggio sono, per il momento, Raffaele Gaito, Enrico Rossomando e Michele Criscuolo (Andrea e Alfredo Postiglione seguiranno la scuola il prossimo settembre).

In questo video una panoramica del One Market Plaza building dove sono gli uffici di Mind the Bridge e dove i ragazzi di Mangatar insieme ad altre startup italiane studiano, lavorano e fanno networking, "in pieno stile Silicon Valley"! Siamo molto curiosi, teneteci aggiornati ragazzi! Intanto, buono studio e buon lavoro!

 
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Identikit di un investitore italiano

Identikit di un investitore italiano

Quanto investe un venture capitalist o un angel in Italia? Che ruolo svolge nella startup finanziata? Ce lo racconta Marco Bicocchi Pichi, investitore e Consigliere di Italia Startup, nell'intervista di Andrea Genovese.

CONDIVIDI
Il coworking: lo spazio che crea valore

Il coworking: lo spazio che crea valore

Pronti con il terzo appuntamento della nostra Rubrica Legal-mente, consigli legali da non dimenticare! Dopo aver trattato il tema della nuova Guida per la Startup Innovativa e una prima parte riguardante il crowdfunding, parliamo oggi insieme all’avvocato Domenico Comito del Coworking: da dove nasce...

CONDIVIDI