Filtra per categoria

Il team Blomming è stato selezionato per presentarsi alla platea di investors in occasione del primo Investor Day di Wind Business Factor. Nicola Junior Vitto ci ha raccontato gli obiettivi della sua startup.

Blomming permette a chiunque di vendere online in modo semplice e immediato sia sulla piattaforma web stessa, sia sul proprio sito/blog grazie a un widget simile a quello che viene utilizzato per i video su Youtube, sia direttamente dalla propria Facebook Page grazie a un'applicazione. La piattaforma nasce alla fine di novembre 2011, ed ha raggiunto finora 1800 venditori, circa 4000 utenti registrati, con un servizio gratuito che non verrà reso a pagamento prima di un anno. Utenti singoli, negozi di souvenir, community di persone che fanno handmade, oggettistica che vendono soprattutto attraverso Facebook, il target raggiunto fino ad oggi e' molto diversificato. Blomming si propone come prima iniziativa sul mercato ad aver concepito una piattaforma di distribuzione dell'e-commerce tramite i social media, e in particolare ad aver coinvolto il cosiddetto F-Commerce (cioè un sistema di e-commerce per Facebook) per qualsiasi tipo di utente finale, privato, professionista o azienda: Un utente può infatti creare uno shop online in pochi minuti, senza costi di attivazione, e può iniziare a vendere sul sito (con un codice da incorporare tipo quello dei video di YouTube) e sulla Pagina Facebook (vedi http://bit.ly/faceblom).

Guarda il pitch di Blomming

Guarda i pitch delle altre startup

CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Il primo Open Summit delle startup

Il primo Open Summit delle startup

Siamo tutti invitati, lunedì 14 dicembre a Milano, Palazzo del Ghiaccio, a prendere parte al primo Open Summit dedicato al mondo startup italiano e organizzato da Startupitalia!. Wind tra i main sponsor e Wind Business Factor partner ufficiale dell'evento.

CONDIVIDI
5 startup che amano le mamme

5 startup che amano le mamme

Cinque startup nate per supportare i genitori nella cura dei propri bambini, ma anche per combattere uno stereotipo duro a morire: che la maternità sia un punto di debolezza nel lavoro delle donne.

CONDIVIDI