Filtra per categoria

Wind Business Factor Competition 2013: il Pitch di Vittorio Guarini di Fazland durante l'Investor Day

Tra le startup finaliste che hanno avuto l’opportunità di presentarsi davanti al pubblico e agli investitori durante la  finale del 1° Investor Day 2013, ospitato all’interno dell’incubatore romano Luiss Enlabs, anche Fazland: progetto che si propone di cambiare il mercato dei servizi per privati mettendo il cliente al centro del processo decisionale, e fornendo informazioni che effettivamente lo aiutino a scegliere consapevolmente. Allo stesso tempo si propone di aiutare i professionisti a mettersi in competizione diretta tra loro per ottenere nuovi lavori. Complimenti quindi a Vittorio per questa ottima presentazione e consigliamo alla nostra community, ai giovani startupper e neo imprenditori di vedere non solo questo pitch, ma anche quello del vincitore, in3Dgallery. Perché se è vero che un buon prodotto e un team vincente sono elementi fondamentali per emergere, dimostrare di saper comunicare bene e in poco tempo e convincere così gli investitori, è un altro step fondamentale per una startup.

Leggi gli spunti su come fare la struttura di un buon pitch - Pillole dai Webinar con materiale a cura di Massimo Sgrelli

Presentarsi ad un investitore: La Preparazione

 
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Le 10 startup che un viaggiatore smart deve conoscere

Le 10 startup che un viaggiatore smart deve conoscere

Trovare il biglietto aereo al miglior prezzo? Muoversi in un paese straniero solo con i mezzi pubblici? Recuperare i soldi di un volo cancellato? La top 10 startup innovative per organizzare un viaggio intelligente e low cost.

CONDIVIDI
Startup: la lezione di un investitore d'eccezione

Startup: la lezione di un investitore d'eccezione

I consigli per startup di Chris Sacca, CEO di Lowercase Capital, fondo di venture capital che nel suo portfolio vanta aziende del calibro di Instagram, Twitter e Uber.

CONDIVIDI