Filtra per categoria

In occasione del compleanno del web, evento organizzato a Roma da Riccardo Luna per festeggiare i primi 20 anni della Rete, abbiamo incontrato Fabio Lalli, fondatore del network Indigeni Digitali e "startupper compulsivo".

"Bloggo, Twitto, Comunico, Telefono, Programmo, Navigo, Cerco, Penso, Chatto, Innoveggio, startuppeggio. Ovviamente faccio tutto contemporaneamente". E non è possibile neanche smentirlo, Fabio Lalli, che oltre alla sua attività di Strategy Consultant ICT e di "startupper compulsivo" ha fondato circa un anno e mezzo fa il network degli Indigeni Digitali, nato come un insieme di happening, aperitivi, occasioni per persone appassionate di web e che credono nella "saggezza delle folle" per scambiarsi conoscenze e creare valore. Tutto questo è poi diventato un vero network digitale, con la creazione del blog ufficiale e del gruppo Facebook, molto attivo su tutte le tematiche che interessano la cultura digitale, dallo sviluppo al marketing, dai consigli sui tools alla vera e propria costruzione di team e progetti. Pochi giorni fa è nata l'associazione Indigeni Digitali, impegnata per la diffusione dell'innovazione sul territorio italiano, per proseguire il supporto agli startupper e promuovere occasioni di networking tra profili diversi. Tra i progetti lanciati da Fabio Lalli oggi sono ancora online Baby 2.0, applicazione iPhone nata da un'idea dopo la nascita del suo bambino con Annalisa Pauracchio e Cristiano Severini, e YepLike, applicazione di photosharing sviluppata con lo stesso team. Ultima creatura è un'app nata dalla collaborazione con Lorenzo Sfienti, che permette agli utenti di ampliare le funzionalità di Instagram, diventata già popolare e ripresa da The Next WebCNN. L'esperienza di startup viene spesso vista come il sogno imprenditoriale della Silicon Valley, e viene a volte confusa con la sola fase di sviluppo di una applicazione web, ma "fare startup" non è esattamente questo - spiega Fabio Lalli - inizia subito dopo, quando ci si deve confrontare con il mercato, raccogliere clienti e gestire un'impresa.

Partecipa al nuovo contest Mobile APPeal!

CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Startup italiane con ambizioni internazionali: ecco su chi investe United Ventures

Startup italiane con ambizioni internazionali: ecco su chi investe United Ventur

Buone idee e buona tecnologia, ma soprattutto un team tenace e completo che ambisce al mercato internazionale. Ecco i requisiti fondamentali di una startup che sulla quale il Fondo United Ventures, potrebbe investire.

CONDIVIDI
Partire da soli e viaggiare in compagnia, grazie alla sharing economy!

Partire da soli e viaggiare in compagnia, grazie alla sharing economy!

Cinque startup innovative per organizzare un viaggio economico, avventuroso e molto social. Ideali per chi è in cerca di nuovi compagni di viaggio.

CONDIVIDI