Filtra per categoria

Powahome vince il Wind Startup Award e Zemove il Wind Green Award!

And the winner is... Powahome! L'applicazione IoT che rende intelligenti i dispositivi elettrici della tua casa. Il premio del Wind Green Award va invece a Zemove

 

L'edizione di quest'anno del Wind Startup Award si è conclusa ieri, 12 aprile, con un gran finale negli spazi LUISS ENLABS, acceleratore romano, partner del premio, che ospiterà per due mesi di programma di pre-accelerazione il team vincitore.

In sala tutte le startup finaliste del Wind Startup Award e del Wind Green Award, un pubblico di addetti ai lavori ed interessati di assistere a un Investor Day, player dell'ecosistema startup italiano, i mentor di questa edizione, rappresentanti del management di Wind Tre, e naturalmente gli investitori chiamati ad ascoltare i pitch e incaricati di decretare il vincitore di questa edizione.

Anche quest'anno l'adrenalina e l'entusiasmo dei team che si preparavano a pitchare sul palco, sono stati contagiosi, e hanno contribuito a sostenere il ritmo serrato del programma della giornata, condotto da Andrea Genovese, project Leader di Wind Business Factor e mentor di due delle startup in finale. Dalle 14:30 circa si sono alternati sul palco per i saluti di benvenuto Federica Manzoni, Digital Advertising - Wind Tre, che ha raccontato il progetto Wind Business Factor e le novità dell'edizione di quest'anno del Wind Startup Award, e Luigi Capello, CEO di LUISS ENLABS e LVenture Group. È stato poi il turno del primo special guest della giornata, Davide Dattoli, non solo il qualità di co-founder di Talent Garden, il partner che ha ospitato tutte le tappe del nostro roadshow (Wind Startup Award | Italian Tour), ma anche in qualità di creatore della rete di spazi dell'innovazione più estesa e conosciuta in Italia e fondatore di startup che in cinque anni è diventata un'impresa milionaria. Davide ha condiviso in un bel keynote gli insight della sua avventura imprenditoriale.

 

I pitch delle startup

Il cuore della giornata è stata la sessione di pitch dei 6 team finalisti -Bautiful Box, Coderblock D-Light, Jobtter, Powahome, The Press Match - che hanno presentato i loro progetti davanti alla platea e alla giuria di investitori del  Wind Startup Award di quest'anno: Alessandro Cavallo, Pier Francesco Geraci (Traction Management), Claudio Rossi e Luigi Mastromonaco (LVenture), rispondendo puntualmente alle numerose domande che sono seguite al pitch.  

 

La premiazione del vincitore del Wind Green Award

 

premiazione-zemove

Antonio de Lorenzis, Giorgio Mele (Zemove), Marco Nannini (Impact Hub Milano), Davide Nespolo (Wind Tre).
 

L'Investor Day è stato anche l'occasione per conoscere e premiare il  vincitore ufficiale del Wind Green AwardDavide Nespolo, Sustainability Manager Wind Tre) e Marco Nannini (CEO di Impact Hub Milano), partner del premio, sono saliti sul palco, hanno presentato i cinque finalisti (aGrisù, Elemize Technologies, Green Idea Technologies, Powahome, e hanno assegnato a Giorgio Mele e Antonio de Lorenzis, co-Founder di Zemove, il premio in palio: 2 mesi di programma di incubazione con il Team di Impact Hub Milano e un grant in denaro di €5.000!

Zemove è un servizio di car sharing elettrico a flusso libero che diventa un vero e proprio fenomeno sociale grazie alla gamification. Con un prezzo dinamico che diminuisce a seconda dei partecipanti, gli Zemovers possono muoversi in città con auto elettriche dedicate sia come Conducenti che Passeggeri dividendo il costo del noleggio.

 

Essere arrivati fino al gradino più alto dei Wind Green Awards ci rende orgogliosi e ancora più decisi a proseguire questo meraviglioso viaggio. Zemove è una startup giovane che ha come faro la sostenibilità ambientale e la condivisione di esperienze tra persone, attraverso un modo innovativo di muoversi in città. Siamo felici di aver ricevuto questo premio da Wind Business Factor e Impact Hub perché crediamo che i nostri valori siano coerenti con le idee che queste due grandi realtà portano avanti. (Giorgio Mele, Co-Founder di Zemove)

Abbiamo scelto Zemove perché, oltre all'impatto generato dall'utilizzo di auto elettriche, coniuga il sistema di car sharing con quello di car pooling riducendo così il numero di veicoli presenti sulle strade. Inoltre il team è altamente motivato. (Marco Nannini, CEO di Impact Hub Milano).

 

Una menzione speciale è andata al progetto di Niccolò Teodori, Founder di Elemize Technologies, un software e un dispositivo IoT che sfruttano l'intelligenza artificiale per ottimizzare i flussi energetici dei "pro-sumer" di energia.

 

Mentre la Giuria si è riunita per valutare i progetti, un secondo special guest è salito sul palco, Davide D'Atri, Founder e AD di Soundreef S.r.l., un'impresa oggi valutata circa 14 milioni di Euro che ha puntato tutto sulla sfida alla SIAE che ancora oggi in Italia detiene il monopolio della gestione delle royalties degli artisti. Un'impresa italiana che è stata fondata a Londra, ma che ha scelto l'Italia per crescere e portare avanti la sua mission.

 

Il vincitore del Wind Startup Award

E poi finalmente l'annuncio tanto atteso, Federica Manzoni e Giulio Montoli, responsabile del programma di accelerazione, nonché mentor del Wind Startup Award, hanno letto il nome del vincitore di quest'anno: il team di Powahome!

Powahome, startup conosciuta e selezionata nella tappa di Torino del Wind Startup Award Italian Tour, ha creato un piccolo dispositivo domotico che, inserito dietro gli interruttori, li rende ‘smart’. Chiunque potrà controllare a distanza, tramite smartphone, luci, prese e avvolgibili e qualsiasi dispositivo elettrico si rischia di dimenticare acceso quando si esce di casa.

Questo il commento a caldo di Pasquale Longo, Founder e CEO di Powahome:

Siamo davvero orgogliosi di aver avuto questo riconoscimento. Sono stati mesi di lavoro intenso, che ci hanno permesso di crescere professionalmente e, per questo, ringraziamo il percorso che Wind Business Factor ci ha consentito di intraprendere e i nostri mentor che ci hanno seguito e ci hanno "bastonato" quando sbagliavamo. Ora siamo pronti per l'execution program di LUISS ENLABS. 

 

Giulio Montoli ha commentato così la scelta degli investitori:

L'idea di Powahome è vincente perché risolve un problema semplice, facile da capire. Il team ha un fortissimo commitment ed è nella fase di sviluppo perfetta per approfittare  al meglio del premio, il programma di pre-accelerazione in LUISS ENLABS.

 

premiazione investor day 2017

Pasquale, Michele e Enrica (Powahome), Federica Manzoni (Wind Tre).
 

Grazie alla vittoria del Wind Startup Award, i ragazzi di Powahome si trasferiranno a Roma per partecipare all'Execution Program di LUISS ENLABS, due mesi intensivi di pre-accelerazione insieme alle altre startup che entreranno nel prossimo batch e insieme al team dell'acceleratore che li seguirà da vicino.

Una giornata ricca ed emozionante, un gran finale insomma. Ringraziamo tutti coloro che vi hanno preso parte, Wind Tre, che ha partecipato da vicino a tutte le fasi del Wind Startup Award, i partner LUISS ENLABS, Talent Garden, Impact Hub Milano,  i mentor e tutto il pubblico che ieri ha riempito la sala.

Naturalmente un ultimo grazie e un grande in bocca al lupo va a tutte le startup finaliste di quest'anno.

 
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI