Filtra per categoria

HRinCloud, startup finalista del Wind Startup Award

Un software che semplifica la gestione delle risorse umane di micro e piccole imprese. Questo è HRinCloud, ce lo presenta il suo COO, Mariella Ferrara.

 

Quella a Mariella Ferrara, COO di HRinCloud, è l'ultima - ma solo per ragioni di ordine alfabetico! - delle interviste pubblicate questa settimana per conoscere meglio i team che domani, venerdì 18 marzo alle 15:30 in LUISS ENLABS, affronteranno la sfida finale per aggiudicarsi la vittoria del Wind Startup Award.

HRinCloud è un software gestionale, che nasce sul modello di quelli utilizzati nelle grandi aziende, ma si rivolge al target della micro e piccola impresa italiana, che può trarre sicuramente enorme vantaggio dalla semplificazione e automazione dei processi legati alla gestione delle risorse umane.

Lasciamo la parola a Mariella, COO di HRinCloud, che domani presenterà la startup alla Giuria di investitori del Wind Startup Award. In bocca al lupo!

 

Raccontaci della startup. Come è nata l’idea? Da chi è composto il team?

M.F. L’idea di HRinCloud nasce dall’esperienza quasi ventennale del suo founder Nello Scialla nel campo della consulenza ICT, che ha avuto inizio da SAP ITALIA ed è proseguita negli anni su tantissimi progetti presso le big enterprise Italiane. L’obiettivo era quello di sfruttare la conoscenza dei processi interni e dei software delle grandi aziende per creare un prodotto appannaggio anche della micro e piccola impresa che rendesse disponibile ed accessibile a tutti i vantaggi dell’informatizzazione della gestione amministrativa delle risorse umane e l’automazione dei processi relativi agli obblighi lavorativi.

Il team è composto da Nello Scialla, CEO dell’azienda, da Marco Solari, CFO anch’egli con un forte background lavorativo come Project Manager di Accenture e Senior Business Consultant in KPMG. Nella parte tecnica Donato Ferraro, Project Manager con grandi esperienze in ambito SAP HCM e sviluppo mobile da Realtech Italia SPA, Alfonso Piscitelli, senior developer esperto in sviluppi mobile, Raffaele Di Stazio, ingegnere elettronico specializzato in sviluppi web, Annalisa Scalzitti, graphic designer e Mariella Ferrara, laureata in informatica e COO dell’azienda.

 

Cosa hai imparato da questa esperienza di formazione con i Mentor e il Team del Wind Startup Award. Perché la consiglieresti?

M.F. L’esperienza di training si è rilevata altamente formativa e di elevato valore umano. Nello specifico di grande supporto è stato il nostro mentor Andrea Genovese che ci ha coadiuvato nel migliorare l’aspetto comunicativo e di marketing, consigliandoci ed indirizzandoci verso scelte strategiche che si stanno rivelando giuste ed efficaci. A fronte di ciò, e forti della collaborazione di tutti gli altri mentor, che non hanno fatto mai mancare il loro sostegno e messo le proprie competenze a disposizione di tutti noi, tramite i webinar ed i momenti di confronto, anche con gli altri startuppers, troviamo questa esperienza molto positiva e consigliamo vivamente questo percorso.

 

Che cosa ti spaventa di più del momento in cui farai il pitch davanti agli investitori? Su quali punti di forza della startup farai leva per convincerli?

M.F. Fare un buon pitch è sempre l’obiettivo principale. Il giusto timore sarà necessario per concentrarsi al meglio e per valorizzare quanto appreso nel percorso di training. I punti di forza di HRinCloud sono rappresentati sicuramente dall’esperienza e la grande forza del nostro team, oltre che dalla piattaforma estremamente user friendly e funzionale per le esigenze specifiche delle aziende target. Il nostro prodotto aiuterà tante aziende a semplificare il lavoro amministrativo nella gestione dei propri dipendenti.

 

INFO UTILI

Registrati e partecipa alla Finale del Wind Startup Award

Il profilo di HRinCloud su WBF

Mentor: Andrea Genovese

CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI