Filtra per categoria

Pitch presentation: i template gratuiti e le regole per costruirla

Best practice internazionali, teorie dei maggiori esperti e template gratuiti: costruisci il tuo pitch deck insieme ad un esperto.

Co-Founder di una delle startup entrate nel training dell’edizione 2014 dello Startup Award, Ekoodo, Maurizio La Cava è anche un esperto di “Presentation Design” e con la sua MLC-Design aiuta startup e grandi aziende a creare pitch presentation efficaci. Ecco alcune ottime indicazioni, estratte da un suo articolo, del quale consigliamo la lettura integrale, per non perdersi nella costruzione di un pitch e nella creazione della presentazione che lo accompagna. La domanda è:

Qual è il modo più giusto di strutturare un pitch deck?

 

“Presentare la propria startup agli investitori è un’arte”. Questo non significa che non vi siano “tecniche” e regole da conoscere e seguire. Maurizio ha analizzato i pitch deck di startup del calibro di AirBnB, LinkedIn, Tinder, Buffer, e li ha messi a confronto con la letteratura.

Ecco qual è la struttura consigliata per un pitch di successo, capace non solo di tenere alta l’attenzione del pubblico, ma di far pensare all’investitore di stare assistendo alla presentazione di “The Next Big Thing”.

Le sezioni che non possono mancare sono:

  • Problema / Solutione
  • Dimensione del mercato
  • Competizione
  • Business model
  • Team
  • Richiesta di finanziamento
 

Sfoglia le slide del primo pitch deck di AirBnB 

 

1. PROBLEMA / SOLUZIONE

La parte relativa a Problema/Soluzione dovrebbe essere l’inizio di ogni pitch deck. Se sarai capace di catturare il tuo audience con un problema interessante e con una soluzione convincente avrai già fatto il 90% del lavoro.

Struttura suggerita: PROBLEMA

  • Definizione del problema
  • Perché è un problema importante per le persone?
  • Quante persone hanno questo problema?
  • Dimostra che sia davvero un problema rilevante
 

Struttura suggerita: SOLUZIONE

  • Cosa offriamo?
  • Come risolviamo il problema?
  • Perché la nostra soluzione è la migliore?
 

2. MARKET OPPORTUNITY

Se la presentazione della tua startup inizia con la descrizione di un problema rilevante intercettato e con la proposta della tua soluzione inedita, il passo successivo deve essere la dimostrazione che esiste un mercato al quale veicolare questa soluzione. Che la tua idea di business è sostenibile.

La letteratura distingue il mercato in:

  • Mercato Potenziale: Persone interessate a comprare il tuo prodotto
  • Mercato Disponibile: Persone del mercato potenziale con il reddito sufficiente per poter comprare il tuo prodotto
  • Mercato Disponibile Qualificato: Persone del mercato disponibile che possono legalmente comprare il tuo prodotto
  • Mercato Servito: Persone del mercato disponibile qualificato che puoi davvero servire
  • Mercato Penetrato: Persone del mercato servito che hanno comprato il tuo prodotto

Secondo Maurizio, la slide sulle opportunità di mercato è fondamentale, non può mancare.

Struttura suggerita

  • Target audience: chi è il tuo cliente?
  • Dimensione del mercato e tasso di crescita (stime): quanto è grande oggi e quanto si stima che cresca?

3. COMPETITIVITÀ

Meglio essere un piccolo player in un mercato di valore piuttosto che l’unico in un mercato che non esiste. Ma essere in un mercato affollato significa dover sgomitare per emergere o ritagliarsi il proprio spazio. Per avere successo in un mercato di valore, devi eccellere in “execution”, cioé nell’implementazione dell’idea. Non avere paura di mostrare i tuoi competitor.

Struttura suggerita

  • Competitor principali, barriere all’ingresso, dinamiche di mercato;
  • Posizionamento competitivo (tipo di prodotto/servizio, prezzo, clienti, canali).

4. BUSINESS MODEL

Come pensi di guadagnare? Questa è una sezione immancabile! Includi sempre la sezione sul business model per mostrare agli investitori come pensi di guadagnare. È importante rendere le slides estremamente semplici e di immediata comprensione, per convincere gli investitori che "la startup è una macchina da soldi, senza lasciare ombra di dubbio!"

 

Segui il nostro percorso formativo dedicato alla definizione del business model

 

5. TEAM

  • Name, qualification (+ foto)
  • Relevant experiences (massimo due righe)
  • Directors and Advisors
  • Investors/shareholders

6. RICHIESTA FONDI

Chiarire bene la propria richiesta di finanziamento e stai pronto a discutere quanto equity si è disposti a cedere.

Struttura suggerita

  • Di quanti soldi hai bisogno;
  • Come intendi allocare i fondi raccolti.

Ci siamo dilungati sui contenuti, ma, il design della presentazione è altrettanto importante.

Quando presenti agli investitori, hai pochissimi minuti per convincerli a finanziare la tua idea. Quindi è fondamentale far passare il messaggio nella maniera più efficace possibile. Per questo motivo il Presentation Design è largamente impiegato nel mondo delle startup, perché quel piccolo pitch deck vale spesso milioni di dollari.

Scarica gratuitamente il pitch deck template ricavato dalla ricerca.

Maurizio La Cava, Digital Entrepreneur, Marketer, Blogger, Public speaker, Presentation design guru and Founder at MLC Presentation Design. Autore di: Lean Presentation Design, Professor at IED Milan, lecturer at Cattolica University of Milan.
http://mauriziolacava.com/
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

LUISS ENLABS e Retake Roma insieme contro il degrado

LUISS ENLABS e Retake Roma insieme contro il degrado

Un'organizzazione di volontari e la fabbrica delle startup insieme per stimolare i cittadini a riappropriarsi con responsabilità degli spazi pubblici.

CONDIVIDI
A pranzo (e non solo) con un VIP: il modello di fundraising di Charity Stars

A pranzo (e non solo) con un VIP: il modello di fundraising di Charity Stars

Mettere all'asta oggetti o incontri con Vip del mondo dello sport, dello spettacolo, della grande impresa e devolvere il ricavato al mondo del non profit. Funziona così l'innovativa forma di fundraising pensata da Francesco Nazzari Fusetti, Founder di Charity Stars.

CONDIVIDI