Filtra per categoria

Arriva il “mondiale” delle idee che creano valore

Il 31 ottobre siamo tutti invitati alla prima edizione del The World Game Italy, giornata dedicata al confronto e alla progettazione collettiva di modelli di sviluppo sostenibile. Per gli iscritti a WBF uno sconto del 50% sul biglietto d’ingresso!

 

Si terrà all'Acquario Romano, nel cuore della Capitale, la prima edizione italiana della conferenza internazionale The World Game (TWG). A volerla e organizzarla è Carla Benedetti, un passato da Manager in ambito risorse umane, oggi una Life e Business Coach professionista, Fondatrice nel 2007 di Studio Coach, e insegnante certificata di Kundalini Yoga.

Guarda una nostra intervista video a Carla Benedetti

Dopo numerose edizioni del TWG vissute da ‘partecipante’, Carla oggi scommette sul successo di un’edizione tutta italiana. Le abbiamo chiesto di spiegarci meglio di cosa si tratta e di darci qualche anticipazione.

 

Cominciamo dall’inizio, la nascita dell’idea

A dare i natali al TWG è Marilyn Atkinson, canadese, master coach e fondatrice dell'Erickson College International. L’idea nasce durante i mondiali di calcio del Sudafrica (2010), spiega Carla Benedetti,

 

C.B. l’entusiasmo contagioso che si vedeva ovunque, con adulti e bambini che gioivano o soffrivano per la squadra del proprio paese, ha impresso un’immagine potente in Marilyn Atkinson, che ha deciso di creare un ‘gioco’ globale in cui, con la stessa energia di un campionato mondiale, le persone siano portate a giocare non per il proprio paese, ma per il pianeta.

 

Questo campionato mondiale delle buone idee è una sfida ad abbandonare una prospettiva individuale per abbracciarne una collettiva che non resti pura speculazione, ma, attraverso il coinvolgimento fisico ed emozionale del gioco, si traduca in buone pratiche per la comunità.

 

"Una giornata piena di eventi nell’evento"

La mattinata è dedicata agli interventi che ispirano, quello di Marilyn Atkinson, innanzitutto, cui seguiranno gli speech di Francesco Morace, Future concept lab e creatore del festival della Crescita Felice, Valerio Eletti Complexity institute Esperto di complessità. Sadhana Singh maestro di Yoga e Ricercatore.

Il pomeriggio si scende in campo. La platea verrà coinvolta in una vera esperienza di progettazione durante un workshop curato da Andrea Genovese (Project Leader di Wind Business Factor e CEO di Social Academy). Seguirà la premiazione del We Award per il migliore progetto di social coaching, e una conversazione sulla nostra relazione con il pianeta con il Lama Geshe Gedun Tharchin e Paola Fiore (consulente e membro del team del Climate Reality Project – l’Organizzazione Non profit del Premio Nobel per la Pace e Vice Presidente statunitense Al Gore).

 

C.B. The World Game Italy è una conferenza in cui innovatori, ricercatori e coach si incontrano per condividere idee e sviluppare progetti. Una giornata aperta a nuove collaborazioni spontanee per lo sviluppo di un futuro positivo per la collettività.

 

Cosa ti è rimasto più impresso delle edizioni del TWG alle quali hai partecipato?

C.B. La visione. Una visione a lungo termine basata su valori di collaborazione, responsabilità, contributo. TWG mi ha permesso di incontrare persone da tutto il mondo, con culture diverse, storie diverse eppure con una visione comune. C’è la necessità di spostarci da una dimensione personale a una dimensione collettiva, in cui l’interesse di ognuno non dimentichi l’interesse di tutti.

 

Lavorare insieme è entusiasmante. E le possibilità di sviluppo sono infinite.

 

Che tipo di pubblico ci sarà?

C.B. Soprattutto coach e innovatori. Giovani startup, professionisti, responsabili di Risorse Umane. Queste sono le persone che ho incontrato fino adesso tra i partecipanti.

 

E perché uno startupper dovrebbe partecipare?

C.B. Credo sia un’ottima occasione per confrontarsi, incontrare professionisti che possano accompagnare il complesso percorso di una startup, conoscere business coach, mettere alla prova la propria idea con il workshop.

Il workshop ("Da un’idea al progetto/business di successo") permette di provare in gruppo come funziona lo sviluppo di un’idea. Cosa serve per concretizzare una fantasia in un’attività reale. A volte una bella idea non basta, occorrono strumenti, conoscenze e anche un po’ di coraggio.

 

Cosa intendi per Leadership Sostenibile?

C.B. Una leadership che non si preoccupa solo degli interessi dell’organizzazione in cui opera, ma che tiene conto dell’impatto che ogni decisione avrà sulla collettività.

 

Che cosa ha a che fare tutto questo con il gioco?

C.B. Il gioco è una metafora. Noi impariamo più facilmente giocando. Il gioco coinvolge più facilmente di qualunque altro tipo di impegno, perchè dà spazio a quel legame tra le persone che è naturale, ma che troppo spesso dimentichiamo.

 

Si può giocare molto seriamente e divertirsi nel farlo. È forse un po’ questo il senso. Divertirsi insieme mentre contribuiamo a migliorare il mondo.

 

Ringraziamo Carla e invitiamo tutti a partecipare all'evento.

Per i primi 30 iscritti WBF che ne faranno richiesta, sono disponibili codici sconto sul biglietto d'ingresso (50%).

Clicca qui per ricevere il codice!

 

INFO GENERALI

Il programma

La location: Roma, Acquario Romano - in Piazza Manfredo Fanti, 38.

31 ottobre 2015, dalle 10.00 alle 18.00 (registrazione dalle 09.15).

www.theworldgameitaly.org/it

 
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Saper sbagliare è l'essenza del Digital Entrepreneur

Saper sbagliare è l'essenza del Digital Entrepreneur

Armando Biondi, Co-Founder di AdEspresso, è un imprenditore che ha saputo fallire per arrivare al successo e diventare, con la sua impresa, una case history italiana. La sua riflessione in una lettera aperta a tutti gli aspiranti entrpreneur...

CONDIVIDI
Team Building: come creare un team di successo

Team Building: come creare un team di successo

Come creare un team di successo? Come scegliere i propri collaboratori? Lo abbiamo chiesto a Robbie Vann-Adibè, Angel Investor e imprenditore seriale.

CONDIVIDI