Filtra per categoria

Paolo Loner, Coach e collaboratore didattico della Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching, parla del rapporto tra imprenditore e coach.

L'intervento di coaching nasce da una domanda da parte dell'imprenditore che solitamente chiede al coach di poter migliorare le sue competenze relazionali e organizzative, all'interno della sua impresa. Il coach risponde a tale esigenza, analizzando in primo luogo la cultura dell'azienda di riferimento; una volta compresa tale cultura, il coach evidenzia le potenzialità, le aree di sviluppo e le zone critiche su cui lavorare. Gli interventi successivi del coach lavorano sull'imprenditore e sui suoi collaboratori chiave, stimolando l'imprenditore, e i collaboratori, attraverso delle sfide, degli esercizi - come ad esempio degli incontri bilaterali con ciascun collaboratore -  tutti elementi utili per valutare lo stato dell'azienda. Altro fattore importante è l'apprendimento. Il coach stimola l'imprenditore sul piano formativo, così da alimentarne la crescita personale e le sue potenzialità.

La redazione consiglia

Guarda le lezioni di Luca Stanchieri.

TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Le donne e il loro peggior nemico sul lavoro

Le donne e il loro peggior nemico sul lavoro

Poca autostima, scarsa fiducia in se stesse, insicurezza cronica: sarebbero questi i limiti emotivi che spiegano perché la leadership di un'impresa sia ancora principalmente in mano agli uomini.

CONDIVIDI
Estiarte: la leadership, l'equilibrio degli ego e la metodologia dell'essere

Estiarte: la leadership, l'equilibrio degli ego e la metodologia dell'essere

Manuel Estiarte, giocatore, allenatore e motivatore, ha dominato la platea del Word Business Forum di Milano. Ecco alcuni consigli dal mondo dello sport da poter applicare al mondo del business.

CONDIVIDI