Filtra per categoria

Da Palermo la storia di una startup di successo che ha elaborato un sistema integrato di produzione, distribuzione e monitoraggio di campagne video virali per i brand. Mosaicoon è uno dei potenziali "unicorni" d'Europa.

 

Gli "unicorni" sono, in gergo startup, quei casi, rari, di società innovative che hanno ottenuto una valutazione pari o superiore al miliardo di dollari. Il 21 settembre 2015, 15 "scaleup" europee, startup adulte che hanno superato con successo la fase di early-stage e hanno raggiunto valutazioni pari o superiori a 1 milione di dollari atterrano a Mountain View per rappresentare l'Europa in Silicon Valley.

Consulta il primo rapporto di Startup Europe Partnership sull'ecosistema europea.

L'occasione è un evento organizzato nell'ambito del progetto SEC2SV (Startup Europe Comes To Silicon Valley) durante il quale queste promettenti realtà provenienti da Belgio, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Spagna e Inghilterra incontreranno i maggiori investor della California.

Dal 22 al 25 settembre le scaleup saranno anche invitate allo Scaleup Track, una programma di eventi che include tavole rotonde, workshop e incontri con i top mentor della Silicon Valley, investitori tra cui Andressen Horowitz, Tim Draper (DFJ), Google Ventures e altri Venture Capital aziendali. Le scaleup sono state selezionate in base a determinati criteri tra i quali: tra cui avere sede nell’Unione Europa, registrare una crescita annua del numero dei dipendenti in media o con un turnover superiore al 20% e manifestare l’interesse a sbarcare sul mercato statunitense.

Tra loro, unica italiana, c'è anche Mosaicoon!

 

La storia

Se non siete ancora andati a sbirciare i volti dei circa 60 ragazzi, quasi tutti under 30, che lavorano in Mosaicoon, fatelo ora. Sorrisi, risate, smorfie divertite e divertenti, espressioni che comunicano entusiasmo e voglia di fare, insomma un vero e proprio mosaico di facce che raccontano il core business di questa startup con sede a Mondello (Palermo): la creatività.

Tutto è iniziato nel 2007 con una società di produzione, ci racconta il Founder Ugo Parodi Giusino, 33 anni e un passato da videomaker. Al principio di questa avventura la consapevolezza (lungimirante se pensiamo che il fenomeno YouTube stava esplodendo proprio allora) che per per il video stava iniziando un seconda vita grazie alla distribuzione sul web; consapevolezza che insieme all'intuizione di dove stava muovendo il mercato ha consentito a Ugo Parodi di creare, a partire dalla propria passione, un business di successo.

 

Che cos'è e come funziona Mosaicoon?

Mosaicoon è una piattaforma web che aiuta i brand a diventare degli editori autonomi che pubblicano video virali. La value proposition è che Mosaicoon si propone come interlocutore unico per tutte le fasi di realizzazione di una campagna video: dall'idea alla produzione, dalla distribuzione al monitoraggio dei risultati. Come lo fa? Mettendo a disposizione dei brand clienti tre piattaforme proprietarie:

Crevity (ultima ad esser stata creata, ma prima nel flusso di lavoro): per interrogare i creativi e raccogliere le idee;

Plavid: per la distribuzione di video online con un network di 220 milioni di utenti worldwide;

Tracking: il software online che permette di monitorare in tempo reale l’andamento delle campagna viral e di interpretare i dati fornendo oltre 40 KPIs.

 

Mosaicoon tra le startup candidate a diventare miliardarie

Quella di Mosaicoon è una bella storia, non solo perché è una startup che ha conquistato le attenzioni di due importanti fondi di venture capital, Vertis Venture e Atlante Venture (che complessivamente hanno investito 2,4 milioni di euro), ma anche perché racconta un avventura imprenditoriale innovativa che nasce in Sicilia e in Sicilia sceglie di restare per produrre innovazione e creare lavoro. E quando chiediamo a Ugo Parodi che cosa manca, secondo lui, all'ecosistema startup Italia, ci risponde:

 

In Italia manca forse l'abitudine al rischio, chi investe cerca garanzie, mentre la caratteristica del mondo del venture capital dovrebbe essere quella di associare a una sensibilità per i progetti più promettenti, la capacità di guardare lontano e il coraggio di correre il rischio per sostenere le buone idee.

 
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Dipendenza dai dispositivi digitali?

Dipendenza dai dispositivi digitali?

Ecco perché è importante imparare a disconnettersi, almeno per un po'.

CONDIVIDI
Lezioni di startup firmate Mark Zuckerberg

Lezioni di startup firmate Mark Zuckerberg

Il segreto del successo di Facebook? Che cosa significa essere un imprenditore? Quali sono le caratteristiche personali di un imprenditore di successo? Zuckerberg risponde alla platea della LUISS a Roma.

CONDIVIDI