Filtra per categoria

SugarCAD: le stampanti 3D entrano a scuola

L'innovazione si fa largo nel mondo della scuola italiana e con il progetto SugarCAD si sperimenta l'introduzione delle stampanti 3D e dell'approccio makers nella didattica.

 

Sebbene innovazione ed educazione dovrebbero correre di pari passo, anzi influenzarsi e nutrirsi reciprocamente, la scuola italiana, e non solo quella italiana, non ha sempre saputo recepire con tempismo e sfruttare le opportunità didattiche del progresso tecnologico. Per fortuna, sempre di più, ci si accorge che lasciare la tecnologia fuori dalla classe significa rendere sempre più difficile, se non impossibile, il dialogo con gli studenti che oggi occupano i banchi di scuola, la "Generazione Z", i figli della rete. Il progetto SugarCAD ne è un ottimo esempio, un progetto basato sull'introduzione della modellazione in 3D e dei principi della filosofia maker nelle scuole. Ecco in sintesi di cosa si tratta, quali risultati ha portato finora e quali sono i prossimi step.

 

Maker@Scuola: l'approccio

SugarCAD è nato nell'ambito della sperimentazione del progetto di ricerca "Maker@Scuola" ed è un software di modellazione 3D gratuito pensato e realizzato appositamente per studenti e docenti delle scuole. "Maker@Scuola" è un progetto di ricerca promosso dall'Istituto Nazionale Documentazione Innovazione Ricerca Educativa (INDIRE) nato per analizzare le specificità del "Modello Maker" applicato alla didattica e indagare le opportunità di far interagire le modalità di lavoro dei makers e gli schemi di apprendimento degli studenti. L'ipotesi da cui la ricerca è partita è che i modelli utilizzati dagli artigiani digitali possano innovare il modo di insegnare e aiutare gli studenti a superare alcune difficoltà nello studio e nell'apprendimento. Il modello è stato battezzato "Think-Make-Improve" (TMI) e punta allo sviluppo delle competenze logico-matematiche, digitali, metacognitive e relazionali degli studenti, ecco come.

 

poly

 

SugarCAD: lo strumento

SugarCAD è un software web-based, semplice ed intuitivo, utilizzabile anche in assenza di connessione internet grazie a in3Dire, un piccolo server sviluppato appositamente, che permette a studenti ed insegnati di seguire tutto il processo dalla modellazione alla stampa di forme.

 

Applicare l'approccio maker alla didattica

Leggiamo in un'intervista a Alessandro Ferrini, tecnologo di Indire e sviluppatore di SugarCAD:

"SugarCAD si colloca nell’ambito operativo di un modello che tende ad analizzare e applicare le specificità del modello “Maker” alla didattica, per cercare di superare i metodi tradizionali di istruzione vista solo come “erogazione” della conoscenza. È stato osservato che

 

attività di tipo “Maker” incoraggiano gli studenti ad un approccio più partecipativo e coinvolgente. 

 

Un contesto di questo tipo favorisce momenti di collaborazione alla pari e di confronto creativo sia tra gli studenti sia con gli insegnanti. Nel modello didattico TMI il docente assume un ruolo di “tutor“, che innesca il pensiero critico nel gruppo di lavoro, al fine di migliorare le soluzioni realizzate dai ragazzi. L’errore infatti non è visto come motivo di frustrazione, ma è fondamentale per progredire e migliorare nel lavoro da svolgere, incoraggiando il dialogo e il confronto all’interno del gruppo. Gli studenti si riuniscono in gruppi e si azzera il distacco tradizionale che c’è fra chi insegna e chi apprende. Ciò che ci ha realmente stupito nell’osservazione è la velocità di apprendimento e di miglioramento dei ragazzi che hanno approfondito – anche in orario extra-scolastico – le soluzioni da proporre, raggiungendo risultati superiori alle richieste perché si divertivano a farlo. In questo senso speriamo dunque che SugarCAD diventi il loro software di riferimento per la modellazione 3D".

 

stampa-3D-bambina

 

Il progetto è stato sperimentato in 40 scuole dal 2014 a oggi, ma continua con l'obiettivo di coinvolgerne molte altre visti i buoni risultati ottenuti finora.

 
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Starteed: il crowdfunding partecipato e virale

Starteed: il crowdfunding partecipato e virale

Starteed è una piattaforma innovativa che integra il crowdfunding tradizionale con lo spirito della co-creazione e il potere virale delle social sales: l'intervista a Claudio Bedino

CONDIVIDI
Growth Hacking: strategie di marketing per startup

Growth Hacking: strategie di marketing per startup

Chi si occupa di marketing per startup non può ignorare il Growth Hacking: un insieme di tecniche, ma soprattutto un approccio finalizzato a far crescere molto velocemente un business.

CONDIVIDI