Filtra per categoria

Come si progetta l'esperienza utente nel caso dell'Internet of Things? Esistono approcci e metodologie specifiche? Ne parliamo con Massimiliano Dibitonto.

L’Internet of Things è un nuovo paradigma di relazione tra essere umano e mondo digitale e impone una nuova cultura e nuovi metodi di progettazione. Noi siamo da sempre connessi agli oggetti, basti pensare alle relazioni che il linguaggio stabilisce tra noi e gli oggetti, tra noi e le altre persone. Siamo connessi all'interno di un sistema di significati. Quel che l'internet delle cose aggiunge, è una "intelligenza" degli oggetti che non sono più semplici artefatti a disposizione, ma interfacce con le quali possiamo dialogare ed interagire, e che dialogano tra di loro all'interno di un ecosistema.

Questo cambio di paradigma non può non coinvolgere l'esperienza dell'utente e quindi il lavoro del progettista. Ecco i principali elementi da considerare nel design del IoT (fonte, Massimiliano Dibitonto, slideshare):

  • L’esperienza d’uso entra nell’esperienza di vita. Cambiano le regole di engagement e di interazione.
  • L’esperienza è legata al servizio (eg. telefono). Service based products. Product based services.
  • Asincronia e problemi dovuti a ritardi di rete.
  • Funzioni distribuite in molti touchpoints adatti a differenti contesti d’uso.
  • Automazione e controllo remoto sono attività simili alla programmazione (molto sforzo per l’utente).
  • Complessità: molti dispositivi, molti utenti, molte regole e molte funzioni.

Una difficoltà del progettista è far capire al suo cliente le potenzialità e le possibilità di uno scenario ancora in fase di definizione. Per questo Massimiliano ha ideato IoT Design Deck, uno strumento che può facilitare il co-design di prodotti connessi e “intelligenti”, partendo dai fondamenti e dagli elementi base dell’UX integrando caratteristiche proprie del nuovo scenario.

L'IoT Design Deck è un metodo modulare, segmentabile in step e adatto a design sprint:

Step 1: Definizione concept e Value proposition,

Step 2: User Journey, Service Design, Touchpoints, System Map

Step 3: Touchponts definitions: I/O, Physical Design, Prototying

Massimiliano Dibitonto @mdbt

UX researcher & Interaction Designer presso Link Campus University. Massimiliano Dibitonto è dottore di ricerca in Ingegneria Informatica, UX researcher ed esperto (e appassionato) di HCI, Internet of Things e Digital Fabrication. In ambito accademico è assegnista di ricerca presso la Link Campus University di Roma e i suoi principali interessi di ricerca riguardano l’esplorazione di nuove modalità di interazione e di nuovi scenari nel rapporto tra uomo e tecnologia. Insegna Interaction Design presso la Link Campus University e la Rome University of Fine Arts. Ha partecipato come esperto di UX e di HCI a numerosi progetti di ricerca collaborando con aziende e Università italiane e internazionali in diversi ambiti tra cui: valorizzazione dei beni culturali, Internet of Things, usabilità di sistemi in-vehicle, sistemi mobili e sistemi di localizzazione indoor. Insieme a VIVO Design Studio lavora come User Esperisce designer ed esperto di nuove tecnologie sulla progettazione, prototipazione e testing di prodotti connessi.

CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

La vera storia di Antonio Tomarchio, l'uomo da 5 milioni di dollari

La vera storia di Antonio Tomarchio, l'uomo da 5 milioni di dollari

Andrea Genovese, Project Leader di WBF, intervista Antonio Tomarchio, Co-fondatore di Beintoo, startup di mobile gamification che ha ricevuto un finanziamento di 4 milioni di euro da Innogest SGR.

CONDIVIDI
Modelli di business per startup: l'E-commerce

Modelli di business per startup: l'E-commerce

Come si costruisce il business model di un e-commerce? Quali sono le caratteristiche principali, gli step da seguire e le metriche più importanti da monitorare?

CONDIVIDI