Filtra per categoria

Andrea Genovese, Project Leader di WBF, intervista Antonio Tomarchio, Co-fondatore di Beintoo, startup di mobile gamification che ha ricevuto un finanziamento di 4 milioni di euro da Innogest SGR.

  Abbiamo accolto con enorme piacere la notizia della chiusura di un finanziamento da 5 milioni di dollari. Il finanziamento di Beintoo è stato ottenuto dal Venture Capital italiano Innogest SGR, partner finanziario di Wind Business Factor. Complimenti al team di Beintoo, a Giuseppe D'Antonio per il supporto dato in qualità di Angel Investor a questa startup italiana tra le più promettenti, e a Stefano Molino di Innogest SGR, entrambi nostri mentor su Wind Business Factor per la nostra Competition Finalmente una buona notizia per il mondo delle startup. Dopo tante chiacchiere, iniziative, eventi e decreti a sostegno della nascita e della crescita di imprese innovative, un fatto concreto, un investimento consistente, in un team quasi tutto italiano e un progetto imprenditoriale visionario, scalabile e internazionale. Antonio Tomarchio è lo startupper milionario del momento. Fondatore di Beintoo, insieme a Filippo Privitera e ad altri tre ragazzi, nel lontano settembre 2010, dopo un'esperienza di 18 mesi in Dada e prima ancora come imprenditore nell'ambito del performance marketing. Lui è un ragazzo siciliano, di Giarre, scapigliato e dall'aria simpatica. Mentre ti parla, veloce da dietro i suoi occhiali appannati, sembra stare con la testa altrove. Negli ultimi mesi in effetti è stato più all'estero - soprattutto in Silicon Valley dove ha aperto un piccolo ufficio -, che a Milano, dove risiede la società e la sua dozzina di dipendenti. Non si arriva a questi successi senza prima aver fatto un "cursus honorum" di grande rispetto. Ingegnere al Politecnico di Milano, con esperienza universitaria all'estero. Imprenditore e poi manager in una delle prime grandi startup italiane, parlo della Dada di Paolo Barberis. E poi fondamentale l'incontro e il supporto di alcune figure chiave che credono nel progetto, come l'amico, mentore e poi angel investor Giuseppe D'Antonio, fondatore di CircleMe, e Fabrizio Capobianco, advisor di Beintoo e fondatore di Funambol. Anche se non hai un mutuo o una famiglia, è meglio avere a fianco un Virgilio che ti accompagna tra i gironi dell'incertezza e del rischio, soprattutto quando abbandoni gli agi del posto fisso per imbarcarti in un'avventura imprenditoriale dai confini ignoti. Ma prima o poi il successo arriva, anche nei labirinti della selva oscura! Partita come Srl e con un core team ben definitio,  Beintoo ha prima realizzato un prototipo ben funzionante, ha poi iniziato a cercare fondi, presentandosi a investitori, imprenditori e angel investors, fino a ricevere finaziamenti  e un investimento Seed da Innogest, una cifra importante e sufficiente a raggiungere dei primi milestone, a crescere e, quindi, a candidarsi per nuovi e più significativi round. 

La fiducia di un investitore dà la misura della validità economica di un progetto, ma la determinazione e l'ambizione di un team che crede fortemente nel proprio idea sono la vera forza di quei sogni imprenditoriali che diventano realtà. Beintoo, che oggi conta un team composto da più di dieci persone che lavorano dalla sede di Milano e da quella di San Francisco, è una delle startup più promettenti del futuro e che opera in uno dei mercati maggiormente in crescita, quello della pubblicità  innovativa su mobile.

Complimenti  ad Antonio e a tutta la squadra di Beintoo. In bocca al lupo per i prossimi traguardi!  Andrea Genovese  
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Social Media: il caso Fanpage

Social Media: il caso Fanpage

Gianluca Cozzolino, Ceo di Ciaopeople Srl e ideatore di Fanpage, parla delle caratteristiche dei contenuti pubblicati nei social media.

CONDIVIDI
ShelbyTV, la startup di Videosharing

ShelbyTV, la startup di Videosharing

Come sviluppare il prodotto giusto? Come una startup può espandere il proprio business? Per aprire un'attività di business è necessario capire bene come mettere in pratica la propria idea. E la chiave per farlo è saper focalizzare gli aspetti fondamentali. Reece Pacheco, racconta la sua esperienza ...

CONDIVIDI