Filtra per categoria

Che cos'è una "innovation room"? Una stanza dove sperimentare nuovi paradigmi di utilizzo delle tecnologie per migliorare l'esperienza utente. Succede in una banca italiana.

Stefano Maggiore è il co-founder di Antreem, uno studio di consulenza in ambito service design e sviluppo piattaforme web e mobile con clienti nel mondo bancario e assicurativo. All'ultima edizione del WUDRome Stefano ha portato un caso studio interessante che ha coinvolto una banca italiana.

Di norma mondi come quello delle banche o delle società assicurative non sono del tutto permeabili alle innovazioni o a concetti come quello di usabilità e cura dell'esperienza utente. 

Non è il caso della banca italiana con cui lo studio Antreem lavora ormai da due anni, una banca italiana che ha voluto investire in sostenibilità puntando proprio sull'innovazione tecnologica e sul miglioramento dell'esperienza utente.

Lo strumento è stato quella che i designer di Antreem definiscono "Innovation room": un ambiente interno all'impresa nel quale testare le novità tecnologiche appena uscite e non ancora utilizzate o il riuso di tecnologie consolidate, ma cambiandone il paradigma di utilizzo, costruendoci attorno delle storie che consentissero di rivalutare e riprogettare le esperienze dei clienti banca, per renderle più efficaci.

Tramite i processi di UX design sono stati concepiti una serie di servizi che utilizzassero ed interagissero con le tecnologie individuate, arrivando fino alla prototipazione e la realizzazione.

Un esempio di progettazione sostenibile e di sostenibilità d'impresa sotto tre aspetti:

  1. Principi della progettazione: riutilizzo di atomi di progettazione e riuso di tecnologie;
  2. Processi: un design sostenibile impatta sulle persone, sia sui destinatari che su chi lavora all'interno dell'impresa;
  3. Futuro: le soluzioni sperimentate non devono essere chiuse, ma modificabili nel tempo in modo facile e a costi bassi per adattarsi alle esigenze di un mondo in continua trasformazione.

Stefano Maggiore è Co-Founder di Antreem, una società che si occupa di architetture mobile, sviluppo, service design ed UX, co-founder e C.E.O. di Freak & Chic, società di Entertainment, musicista e produttore musicale.

CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

A Roma il primo Craft Party del 2014

A Roma il primo Craft Party del 2014

Concetta Maria Massa di Eatsy Italia Team ci presenta il primo craft party del 2014 ospitato presso il FabLab degli amici di Roma Makers. Un'occasione da non perdere per tutti gli appassionati di handmade

CONDIVIDI
Openwear, la moda collaborativa e opensource

Openwear, la moda collaborativa e opensource

Openwear è un progetto europeo di moda collaborativa e marchio opensource per stilisti e designer indipendenti. Durante il World Wide Rome abbiamo intervistato Zoe Romano, co-founder del progetto. Opewear nasce dall'idea di costruire un network per le comunità locali di piccoli produttori indipende...

CONDIVIDI