Filtra per categoria

Luca Buttafava, fondatore, insieme ad Alessandro Confalonieri, di Intersezioni, introduce il Design Open Source.

Il Design Open Source è una pratica interessante, legata alle persone e ai consumatori, che porta con sé il desiderio di caratterizzare, e personalizzare, tutta una serie di oggetti e sistemi di vita quotidiana. Se questa attitudine viene elevata a scala, è possibile promuovere gradi opportunità commerciali sia per le aziende, le quali possono strutturare famiglie di oggetti capaci di cogliere il bisogno di personalizzazione da parte degli acquirenti, sia per i designers. Il designer si pone tra il flusso azienda_consumatore creando degli oggetti di design con delle linee guida specifiche - liste di materiali, luogo di acquisto, varie modalità di realizzazione e di utilizzo - in grado di supportare, e stimolare, la creatività del cliente_fai da te. Grazie al Design Open Source, una serie di potenziali progetti cominciano ad essere realizzati, e ottimizzati, dando vita ad una comunità di consumatori_creativi in fermento che sviluppa nuovi sistemi di scambio e di business.

La redazione consiglia

Guarda le altre lezioni di Luca Buttafava e Alessandro Confaloneri.
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Cocontest: architettura in crowdsourcing

Cocontest: architettura in crowdsourcing

Cocontest è una piattaforma web di crowdsourcing dedicata al mondo dell'architettura e della progettazione. Federico Schiano di Pepe, co-founder, ci parla del progetto e delle opportunità per gli architetti. Il sito, attualmente in fase beta, consentirà a coloro che hanno bisogno di idee per la ris...

CONDIVIDI
Openwear, la moda collaborativa e opensource

Openwear, la moda collaborativa e opensource

Openwear è un progetto europeo di moda collaborativa e marchio opensource per stilisti e designer indipendenti. Durante il World Wide Rome abbiamo intervistato Zoe Romano, co-founder del progetto. Opewear nasce dall'idea di costruire un network per le comunità locali di piccoli produttori indipende...

CONDIVIDI