Filtra per categoria

Affluenza da record al Teatro Olimpico lo scorso sabato 22 febbraio per il debutto di TEDxRoma. Una giornata intera per pensare fuori dagli schemi e immaginare il futuro insieme ai protagonisti del mondo della cultura e della ricerca più innovativa. Noi di Wind Business Factor c’eravamo.

 

Nonostante il sole e il clima mite tantissimi romani hanno preferito trascorrere lo scorso sabato al chiuso del Teatro Olimpico, la location a pochi passi dall’Auditorium Parco della Musica e dal MAXXI, Museo delle arti del XXI secolo, prescelta per ospitare la prima edizione di TEDxRoma.

Dal 1984 ad oggi le conferenze TED, sigla che sta per Technology, Entertainment and Design, sono occasioni uniche e preziose per ascoltare dal vivo i personaggi più influenti e brillanti del mondo della cultura, della scienza, della ricerca tecnologica e conoscere il loro pensiero, concentrato in talks illuminanti della durata di 12 minuti. Non solo, come ha ricordato Emilia Garito, Organizer di TedxRoma, TED.com è il secondo archivio online dedicato all’educazione più visitato dopo Wikipedia, un patrimonio di grandissimo valore, fonte di ispirazione inesauribile per un audience distribuito su tutto il pianeta.

Il 22 febbraio TEDx, la serie di eventi locali TED organizzati in modo indipendente, ha fatto il suo debutto nella Capitale intrattenendo una platea gremita per tutta la giornata. Tre sessioni (3D Visions, Day Dreams e Beyond Passion) e un panel di 17 speaker che si sono avvicendati sul palco del Teatro offrendo dimostrazioni pratiche di cosa significhi pensare “Out of the box”, fuori dagli schemi, in modo libero, creativo, rivoluzionario, e stimolando l’immaginazione di mondi possibili e di un futuro in cui innovazione e sostenibilità non siano più scindibili.

Cercate risposte alternative, non risposte corrette”, questo il mantra di Giovanni Corazza, Fondatore del MIC (Marconi Insitute for Creativity) di Bologna, che nella prima sessione di TEDxRoma ha parlato di pensiero divergente come necessità e di creatività come rischio e come sinonimo di dignità umana.

Palestinians and Israelis do startups not war”. Ci crede fermamente Yadin Kaufmann, venture capitalist israeliano e Co-Founder del Venture Fund pubblico Tmura e Sadara Ventures, il primo fondo che focalizza investimenti in società tecnologiche palestinesi. “Il business può rendere il mondo un posto migliore e le società hi-tech hanno la responsabilità etica di adoperarsi per l’innovazione sociale e il progresso”. L’ecosistema startup può insomma giocare un ruolo chiave in territori in crisi o coinvolti in conflitti gravi, creando occupazione, sviluppo e dando un contributo a progetti ad alto impatto sociale.

A farci “sognare ad occhi aperti” nella seconda sessione di speech: la ricercatrice greca Athanassia Athanassiou dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, esperta in green materials e impegnata nello studio di nanomateriali che ci aiuteranno a rendere il progresso tecnologico decisamente più sostenibile dal punto di vista ambientale. Il Prof. Domenico Prattichizzo dell’Università di Siena, docente di robotica e ideatore di dispositivi indossabili per il remote touch, ci racconta cosa sono e come funzionano gli “angeli tattili“, guide a distanza per non vedentiAndrea Vitaletti, Ricercatore alla Facoltà di Ingegneria Informativa dell'Università La Sapienza di Roma, ha invece illustrato alla platea il suggestivo progetto PLEASED (PLants Employed As SEnsing Devices) che applica dei sensori per captare e tradurre i segnali generati dalle piante.

What do you want to do before you die?”, “Qual è l’ultima cosa che faresti prima di morire?”. Questa è la domanda su cui si fonda “The Buried life”, un reality show pensato da un team di giovani canadesi che hanno girato il mondo cercando di aiutare le persone comuni a realizzare l’azione che ciascuno di loro avrebbe voluto compiere prima di morire. “Il pensiero della morte è un tabù nella nostra società; dobbiamo renderci conto invece che la morte è una grandissima risorsa di cambiamento”.

Un applauso prolungato ed emozionato e lunghissime attese per farsi immortalare al fianco di Vinton Cerf, classe 1943, uno dei due padri fondatori di Internet, oggi Google Evangelist, che è intervenuto a TEDxRoma per parlare di deperibilità della memoria digitale. E poi ancora Maurizio Galimberti, fotografo di fama mondiale, celebre per i suoi ritratti mosaico, composti utilizzando frammenti di istantanee, rappresentazioni del dialogo interiore che anima l’essere umano e di cui il volto è testimonianza.

A dare il via alla terza sessione Pasquale Fedele, ideatore di BrainControl, un dispositivo che consente a persone disabili il controllo di oggetti mediante il “pensiero”. Braincontrol è un progetto ambizioso che ha come obiettivo quello di consentire a chi è affetto da patologie come tetraplegia, Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), Sclerosi Multipla, e distrofie muscolari di varia natura, di superare disabilità motorie e di comunicazione. Stefano Pujatti, architetto, ha invece fatto riflettere sull’importanza dell’errore. Sbagliare è un atto che estende le possibilità, è un atto creativo. “More Kitchen, less farmacy” è il motto che ha lanciato lo chef stellato Davide Scabin, sul palco del TEDxRoma a parlare di identità del gusto e di cibo che cura. Quindi è stato il turno vibrante di emozione di Maria Vittoria Rava, filantropa che alla sorella scomparsa ha intitolato la Fondazione Francesca Rava, onlus in prima linea in diverse emergenze umanitarie. E per concludere in bellezza le parole e la musica di Mario Tronco, Fondatore dell'Orchestra di Piazza Vittorio.

E così sono scivolati via, non senza lasciare preziosissime tracce, tutti gli interventi di questa prima, densissima edizione di TEDxRoma. L’organizzazione rinnova l’appuntamento per il 2015 e saluta un pubblico arricchito, ispirato e rinnovato dalla passione di uomini che continuano a credere nell’importanza vitale del pensiero e delle nuove idee.

Nelle prossime settimane pubblicheremo le interviste ad alcuni dei protagonisti. Stay tuned!

Image credits

Giulio Riotta/TEDxRoma e Alessio Jacona

CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Reinventare l'esperienza cliente: la best practice è una banca italiana

Reinventare l'esperienza cliente: la best practice è una banca italiana

Che cos'è una "innovation room"? Una stanza dove sperimentare nuovi paradigmi di utilizzo delle tecnologie per migliorare l'esperienza utente. Succede in una banca italiana.

CONDIVIDI
I makers investono nella creatività del territorio

I makers investono nella creatività del territorio

Si chiama TechLab, nasce a Chieri, ed è un laboratorio pubblico dove le persone si incontrano, progettano, condividono idee, creano, con il legno e con le stampanti 3D!

CONDIVIDI